Papa a Tblisi: bisogna essere vicini alle famiglie

Papa Francesco nella sua visita a Tblisi dei giorni scorsi si è rivolto
ai fedeli parlando, come già fatto in altre occasioni, anche del
matrimonio e dei pericoli che oggi insidiano questo sacramento e la
stabilità delle coppie.

Parlando
della teoria del gender, ha sottolineato come essa stia mettendo a
rischio le prospettive future per la nascita di nuove unioni cristiane.
La chiamata alla santità alla quale marito e moglie aderiscono, sostiene
Papa Francesco, viene minata da queste nuove idee e dalle
colonizzazioni ideologiche che vengono diffuse in tutti gli aspetti
della vita sociale attraverso strumenti quali quelli della parità di
genere.

Il Papa chiede quindi a tutti di farsi vicini alle famiglie, di aiutarle in questo periodo di prova,attraverso
l'accoglienza e l' accompagnamento, all'interno della Chiesa, che sono
proprio le caratteristiche distintive della nostra vita in equipe.

Questo
stesso timore era al centro del pensiero di padre Caffarel che vedeva
nel rinnovamento del matrimonio il rinnovamento della Chiesa stessa.
Alla luce delle considerazioni espresse dal Papa, le prospettive che ci
si pongono avanti, non sono solo da considerare in ottica di sostegno
alle famiglie, ma anche come esse si riflettano direttamente sulla vita
stessa della Chiesa.




EQUIPES NOTRE DAME - SUPER REGIONE ITALIA utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento