Monsignor François Fleischmann ci ha lasciato.


Monsignor François Fleischmann
è morto venerdì 26 gennaio
all'età di 83 anni, nel suo 56 ° anno di sacerdozio.

François Fleischmann, nato a Strasburgo il 2 maggio 1934, è stato ordinato sacerdote il 14 aprile 1962 nella cattedrale di Notre-Dame a Parigi. Assistente cappellano al liceo Henri IV fino al 1963, è stato poi professore al Seminario minore di Conflans, per otto anni.

Nel 1971 fu nominato vicario a Ste-Jeanne de Chantal dove rimase per quattro anni, essendo stato nel 1974 per un anno, responsabile del centro religioso del Palais des Congrès (Porte Maillot). Nel 1975 fu nominato curato a Ste-Odile; nel 1981 è diventato vice-direttore di St-Pierre de Chaillot, dove si è occupato della catechesi al Lycée de L'Assomption Lübeck.

Dal 1983 al 1998 è stato nominato Segretario di Stato Vaticano per la Sezione francese. Questa missione al servizio del Santo Padre e della Chiesa universale, nonostante il suo carattere talvolta austero, fu per lui una fonte di ampliamento e di realizzazione. Le udienze del mercoledì gli hanno permesso di avvicinarsi a San Giovanni Paolo II, specialmente durante le udienze del mercoledì. Tutto ciò segnerà la sua vita.
Tornato a Parigi nel 1998, è stato nominato parroco a St-François-Xavier, carica che ha ricoperto fino al 2003. Nel 2002, è stato nominato Cancelliere della Diocesi e Vicario episcopale presso l'Ufficio del matrimonio. Nel 2010 si ritirerà, prima dal suo ufficio come cancelliere, poi dall'ufficio del matrimonio. Residente a Saint-Lambert-de-Vaugirard, fornirà molti servizi alla parrocchia.
Durante il suo ministero, mons. François Fleischmann ha accompagnato i gruppi Notre-Dame e ha partecipato attivamente alla vita del movimento. È stato consigliere spirituale dell’Equipe Internazionale: per lui è stata una nuova grande esperienza nella vita della Chiesa universale, segno dell'azione della grazia di Dio. Una particolarità fu che il vescovo Fleischmann si è dedicato al servizio della causa di canonizzazione di padre Henri Caffarel, fondatore dell’Equipes Notre-Dame. Ha parlato l'8 dicembre scorso al seminario organizzato al Collège des Bernardins in occasione del 70° anniversario della Carta delle End, dando un contributo alla rivista L'Anneau d'Or, alla quale aveva lavorato minuziosamente per diversi anni.
Nel 2003 è stato nominato canonico titolare di Notre-Dame de Paris. Nel 2005 è stato eletto Decano. Nel 2013 si ritirò al servizio della parrocchia di St-Lambert di Vaugirard. Nel 2014 è diventato canonico emerito.
Padre Francois Fleischmann era un uomo di grande umiltà e profondità, dedito alla missione di tutti nella Chiesa. Le nostre preghiere sono per lui, perché Dio possa accogliere il suo fedele servitore nella sua gioia e pace. E rendiamo grazie a Dio per i frutti del suo ministero.


La testimonianza proviene in particolare da Padre José Jacinto Ferreira de Farias, consigliere spirituale dell'ERI.

In memoria di monsignor Fleischmann

Dal primo momento che ho incontrato Monsignor Fleischmann sono stato toccato dalla sua semplicità, dalla profondità del suo sguardo e dalla delicatezza del suo cuore.
Nel suo curriculum vitae compare l’adesione alle Equipes Notre-Dame, che ha servito al più alto livello, come consigliere spirituale di ERI, Equipe Responsabile Internationale. Era il mio predecessore in questo servizio. Per questo ho avuto per lui un grande rispetto e ammirazione, perché, grazie a lui, ho ereditato la ricchezza carismatica del nostro movimento, che conosceva profondamente e che aveva ricevuto direttamente da Padre Caffarel. La messa a Massabielle, vicino a Parigi, il 10 dicembre, è l'ultimo ricordo che ho di lui. Come Consigliere Spirituale della ERI, la presidenza è stata affidata a me e Monsignor Fleischmann ha tenuto l'omelia. Al momento dei saluti, gli ho detto "Adeus", che significa in portoghese "fino a Dio". Mai come oggi queste parole sono vere nel senso più profondo della comunione dei santi: il nostro prossimo incontro sarà in Dio!

Arrivederci, Monsignor Fleischmann!





EQUIPES NOTRE DAME - SUPER REGIONE ITALIA utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento