“La famiglia dopo il sinodo” Incontro con ENZO BIANCHI, Priore di Bose

Vi riportiamo un sunto dell'incontro che Enzo Bianchi ha tenuto presso il monastero di Bose, Domenica 22 Novembre.
L’intervento del Priore, basandosi sulla sua partecipazione sia ai recenti Sinodi sulla famiglia che ai precedenti Sinodi del 2009 e del 2012, formula un'analisi di quanto è stato deliberato, rimarcando le novità ed anche enunciando alcuni limiti riscontrati sia nello svolgimento dei lavori sinodali, che nei contenuti. La sua relazione prende le mosse dalla “novità” voluta da Gesù Cristo, in tema di famiglia il quale ha riaffermato il progetto originario del Padre, ossia che essa si basa sulla monogamia e sulla fedeltà tra i coniugi. Venendo più direttamente alle novità sinodali, Bianchi ha puntato l’attenzione sui seguenti punti, partendo dal metodo:
1- per la prima volta hanno partecipato al Sinodo, con diritto di voto, tre parroci, di cui due italiani ed è stato nominato, padre sinodale, anche un laico;
2- il Papa, per la prima volta, ha seguito per intero i lavori del Sinodo;
3- tra gli uditori ed esperti hanno partecipato 4-5 coppie;
4- il Papa ha voluto una totale franchezza nel parlare, da parte dei padri sinodali, senza aver paura;
5- il Papa ha voluto ripristinare un principio di metodo così espresso: "ciò che riguarda tutti, deve essere discusso da tutti". 
Tra i limiti del metodo il priore di Bose ha evidenziato che le donne non sono state ascoltate se non marginalmente e certamente non nella loro peculiarità di mogli e madri. 
Venendo ai contenuti, le novità riguardano:
1- le coppie divorziate cristiane fanno parte della Chiesa;
2- tali coppie vanno trattate con grande misericordia, intesa come intensa capacità di accoglienza ed ascolto, compresa la loro integrazione attiva nella vita della Chiesa (ad es. fare il catechista);
3- ai divorziati si apre l'ammissione ai sacramenti, previo un cammino specifico.
Un limite di contenuto ha riguardato la realtà delle coppie omofile, che si professano cristiane, problematica che è stata accantonata.








EQUIPES NOTRE DAME - SUPER REGIONE ITALIA utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento