LETTERA 192 - MARZO-APRILE 2017

EDITORIALE : FARE E LASCIAR FARE

AUTORE        : Teresa e Gianni Andreoli -Coppia responsabile di Equipe Italia


In tutta sincerità, pur essendo inguaribili ottimisti, non ci sembra di scorgere nella 
nostra società segnali decisi di cambiamenti epocali. . .; la difficoltà di confrontare il 
presente con le speranze dell’uomo, quelle speranze che vanno oltre il quotidiano, si 
dimostra un lavoro difficile che spesso ci lascia stanchi, delusi e la tentazione di 
richiudersi nel proprio piccolo mondo è forte. Eppure, dentro di noi, non cessa di farsi 
sentire la domanda "Che cosa dobbiamo fare?", e ci viene spontaneo confrontarci in 
coppia per cercare di ritrovare un senso nell’abitare la nostra vita, un significato da 
dare alla via che ogni giorno ci porta all’incontro con noi stessi, con gli altri, con 
l’Altro. 
A volte si corre il rischio di entrare nel vortice del fare a tutti i costi (pensiamo al 
servizio, in particolar modo) dimenticando che il valore delle proposte di animazione 
non si misura solo dal numero dei partecipanti ma da quanto queste siano in grado di 
contribuire alla crescita spirituale della coppia, da quanto siano capaci di generare 
esperienze in grado di radicare quella fraternità e quel desiderio di comunione che tante 
volte abbiamo respirato in Equipe. 
Ricordare e cercare di rivivere in noi l’esperienza del Cristo ci può aiutare a fare sintesi, 
a fare discernimento per cercare la Sua volontà e in Essa generare un "fare" capace di 
diffondere in modo visibile semi di speranza. 
Ecco allora che se lasciamo fare alla Parola, se consentiamo che l’esperienza 
quotidiana diventi il cammino di conoscenza di Dio, ogni nostro fare sarà come una 
semina, un gesto di speranza concreta che getta oggi le basi per il frutto di domani. 
Solo se Dio è risposta alle nostre attese di speranza, possiamo pensare di poter essere 
aiuto per le attese di speranza dell’altro. Allora il nostro fare non sarà solo la risposta 
al bisogno dell’oggi ma profezia dell’incontro di cuori trasformati e rinnovati, gioia 
della ricerca di ". . . ciò che è buono, a lui gradito e perfetto" (Rm 12, 2). 
Se si rinnovano i nostri cuori, anche la speranza umana si trasforma in qualche cosa 
che non delude perché riesce ad andare oltre la situazione contingente e oltre la 
soluzione del bisogno stesso che, anche quando viene risolto, tante volte si rimanifesta 
dimostrando quanto sia effimera la risposta. 
Lo stesso Gesù, esaudendo le richieste dei malati e resuscitando Lazzaro, non ha posto 
fine a tutte le malattie o all’esperienza della morte ma ha ridato una speranza ultima, 
una speranza che non delude e che va oltre l’esperienza di questa vita. 
Per riuscire ad essere testimoni credibili di questa speranza il nostro fare deve trovare 
le radici profonde nella realtà, nella vita vissuta, nell’ascolto dell’altro e di come lui sia 
stato attraversato da esperienze che ci aiutano ad avvicinarci alla sua persona, non 
sempre a capire fino in fondo i sentimenti vissuti e le sensazioni provate. Troppe volte 
abbiamo lasciato perdere, il nostro fare è stato guidato dal considerare l’idea più 
importante della realtà, siamo stati sacerdoti di riti freddi, abbiamo cercato di 
allontanare differenze e conflitti invece di accoglierlo come una provocazione che ci 
fa crescere. In quali ambiti non ci è successo? In famiglia, in coppia, in équipe, sul 
lavoro, nella comunità che frequentiamo e che osiamo chiamare chiesa, . . . Ovunque ci 
sono margini di incontro perché si generi la comunione delle differenze attraverso il 
nostro fare e lasciar fare. 
È tempo di dare una direzione al desiderio che si agita in noi, sappiamo che cosa 
dobbiamo fare e un nuovo modo di pensare ci potrà essere di aiuto: il Vangelo è una 
notizia buona che potremo comunicare se impareremo ad agire con gioia e lasciando 
ad essa il compito di portare il messaggio della bellezza di essere strumenti nelle mani 
di Dio. 

                                                                   Teresa e Gianni Andreoli                                                                             Coppia responsabile di Equipe Italia 

Allegati

LETTERA 192




EQUIPES NOTRE DAME - SUPER REGIONE ITALIA utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento