LA FAMIGLIA LUOGO DI ACCOGLIENZA PER SUPERARE LA SOLITUDINE

Dalla collaborazione tra Ufficio nazionale di pastorale familiare, Caritas italiana e Forum delle associazioni familiari nasce "Famiglie chiamate ad accogliere", percorso nazionale integrato per "rilanciare la cultura e la pratica dell’accoglienza e della solidarietà familiare nelle comunità ecclesiali locali"

Recuperare la "dimensione del cortile" per superare la solitudine, perché accoglienza e solidarietà, in una famiglia, non sono un optional. Con questa consapevolezza Ufficio nazionale di pastorale familiare della Cei, Caritas italiana e Forum delle associazioni familiari hanno ideato un percorso nazionale integrato - dal titolo "Famiglie chiamate ad accogliere" -  che vuole "rilanciare la cultura e la pratica dell’accoglienza e della solidarietà familiare nelle comunità ecclesiali locali". Collaborazione ecclesiale. L’idea ha preso corpo, nel biennio trascorso, grazie a una serie di iniziative nelle quali, a vario titolo, si sono trovati coinvolti i tre soggetti promotori, sviluppando una reciproca interazione.

"A giugno 2014 - esemplifica Marco Giordano, presidente di ‘Progetto Famiglia’ e coordinatore dell’iniziativa - San Giovanni Rotondo ha ospitato la settimana estiva di formazione della pastorale familiare, centrata sui temi dell’affido e dell’adozione; nel gennaio 2014 la Caritas aveva già lanciato il coordinamento ‘Carità è famiglia’; vi sono stati poi gemellaggi tra la Chiesa italiana e quella greca nati dal richiamo di Benedetto XVI all’incontro mondiale delle famiglie di Milano, come pure un’iniziativa di accoglienza di rifugiati". Insomma, occasioni che hanno visto le tre realtà ecclesiali lavorare fianco a fianco, costruendo "una buona premessa relazionale". Oltre a tante "buone pratiche" che si sperimentano sul territorio, la cui messa in rete permetterebbe di avere un valore aggiunto. Tutto questo è poi confluito in un seminario nazionale, lo scorso marzo a Verona, per passare dalla teoria alla pratica e dare concretezza al percorso. 

Non si può non accogliere. Da questa collaborazione e dal confronto reciproco è infatti emersa l’esigenza di far qualcosa "per contrastare il disagio sociale e relazionale di tante famiglie, effetto di una sempre più diffusa solitudine e che spesso evolve in forme di esclusione sociale", rimarca Giordano. Riconoscendo che "ogni famiglia è chiamata ad aprirsi alle altre, a partire da un’ottica di vicinato. L’affido familiare, come pure l’accoglienza degli immigrati sono forme più ‘intense’ di impegno, ma alla base hanno quell’apertura a cui ogni famiglia è chiamata". "L’accoglienza - prosegue Giordano - parte dai bisogni che s’incontrano nella quotidianità, guardando a chi ci sta vicino". Ci può essere il bambino che deve fare i compiti mentre i genitori lavorano, l’anziano della porta accanto che ha bisogno di una mano per la spesA. . .Il percorso nazionale invita ad avere uno sguardo solidale e al tempo stesso responsabile.




EQUIPES NOTRE DAME - SUPER REGIONE ITALIA utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento