Il Papa alla Porta Santa dell'Ostello Caritas

ROMA  (Reuters)- Dietro la Porta Santa, la salvezza: quella di un pasto caldo e di un ricovero nelle notti di freddo. Sul fianco della stazione Termini di Roma papa Francesco apre un altro varco giubilare dal forte contenuto simbolico: dopo quello della cattedrale di Bangui, nel Centrafrica martoriato dalle guerre civili, arriva quello dell'ostello Caritas nel cuore della sua diocesi. È la prima volta che un pontefice compie un gesto simile in un luogo che non è consacrato, ma ormai le novità di Bergoglio si susseguono a ritmi talmente frenetici da far sembrare tutto scontato.
La Porta Santa di via Marsala è il rito inaugurale della sequenza di segni di misericordia caritatevole che Francesco compirà una volta al mese, per tutto l'Anno Santo. Appuntamenti che il Vaticano definisce "privati" e che in futuro potrebbero anche avvenire lontano dai riflettori. Stavolta, però, attorno all'ostello intitolato a don Luigi Di Liegro, storico punto di riferimento della Caritas romana, c'è grande fermento. Dopo la cerimonia Francesco presiede la messa alla quale parteciperanno circa 200 ospiti in rappresentanza di tutti i centri di accoglienza della Caritas diocesana. E sottolinea: "L'entrata al cielo non si paga con i soldi né con le onorificenze". Poi ricorda: "Gesù è nell'umiltà e nell'aprire questa porta santa vorrei che lo Spirito Santo aprisse il cuore di tutti i romani e facesse vedere qual è la strada della salvezza: non c'è lusso, non c'è la strada delle grandi ricchezze, del potere. C'è la strada dell'umiltà: i più poveri, gli ammalati, i carcerati, ma Gesù dice anche i più peccatori ci precederanno nel cielo perché loro sono disposti a lasciarsi abbracciare dalla misericordia del Signore". È per questo che poi aggiunge: "Oggi noi preghiamo per Roma, per tutti gli abitanti di Roma, per tutti, incominciando da me, perché il Signore ci dia la grazia di sentirci scartati, perché noi non abbiamo alcun merito, soltanto Lui ci dà misericordia e grazia, e per avvicinarci a quella grazia dobbiamo avvicinarci agli scartati, ai poveri, a chi ha più bisogno, perché su quell'avvicinamento saremo tutti giudicati".




EQUIPES NOTRE DAME - SUPER REGIONE ITALIA utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento