IL PIANO REDAZIONALE 2017

ABITARE LA SPERANZA, ACCOGLIERE IL FUTURO

"È un compito arduo ma necessario confrontare la difficile situazione presente con le
speranze eterne dell'uomo" diceva il cardinal Martini. Ci proveremo, umilmente, ma
tutti insieme, con la Lettera END del prossimo anno: le speranze umane si
intrecceranno con le speranze eterne, e forse non potremo, e non vorremo, distinguerle
tra di loro. Consapevoli di una speranza che ci precede, e che non è nostra, ma offerta
a tutti, canteremo nelle pagine dell’ultimo anno della Lettera redatta a Genova la
Resurrezione di Cristo. Quel sepolcro vuoto è fonte di una speranza che non dipende
dalla nostra iniziativa: ci è stata donata. Non la terremo per noi.

Ci sono le speranze usa e getta, quelle in cui potremmo credere se ci "conformassimo
a questo mondo" e c'è la Speranza che ci infondono le Beatitudini, che sono state il
tema dell'anno che si conclude. Per capirle e farle nostre occorre "trasformarci" e
accogliere la visione del regno di Dio.

Leggere la speranza come vocazione, chiamata, incontro con Cristo ci permetterà di
camminare lungo i solchi della storia nei quali il Signore ha seminato: cercheremo la
speranza nel passato, nella storia di Israele e dell'Alleanza, nel compimento della
promessa del Salvatore nella pienezza dei tempi (Gal 4,4), e nella Profezia perfetta
della Buona Notizia.

La troveremo nel presente, ascoltando la chiamata alla Speranza che il Vangelo ci offre
nella nostra vita di oggi, liberandoci dal compito narcisistico di offrire speranze nostre,
ma comunicando e annunciando un tesoro trovato e raccontato, attraverso le vite di
coloro che vivono nel mondo senza essere del mondo. (Gv 15, 18-21; 1 Cor 7, 29-31).

Speranza al futuro, infine, ben lontana dall’ottimismo per un bene in divenire, ma
radicata nell’oggi di Cristo risorto per guardare al domani, e muoversi in quella
direzione "Non adeguatevi. . . ma lasciatevi trasformare. . ."(Rm 12, 2": forti di una
speranza certa pianteremo semi del cui germoglio non sapremo nulla, e nemmeno
conosceremo la crescita.

La Lettera cercherà anche di farsi, ancora una volta, luogo d’incontro per i segni di
speranza, segni di Dio nelle nostre vite e nelle nostre coppie, che ci confortano e
accompagnano attraverso un presente di gioie, fatiche, dolori, sconfitte, delusioni,
resurrezioni, aiuti reciproci, per passare oltre, insieme.

Forse, un poco, impareremo a sperare di più, e meglio. Magari anche confrontandoci
con quello svelamento della verità che è il passaggio attraverso la morte, di fronte al
quale ogni atto di speranza trova, o perde, il suo valore: e capiremo che è sui nostri
passi lungo il crinale tra vita e morte che perdono senso certe speranze umane fugaci,
mentre diventano vitali le speranze umane radicate in Cristo.




EQUIPES NOTRE DAME - SUPER REGIONE ITALIA utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento