IL COLLEGE "IN DIRETTA" - GIOVEDI' 27 LUGLIO

Florianopolis, 27 luglio 2017       

Carissimi Equipiers,  tema del giorno è "Restare uniti alla vite per dare frutto". Restiamo attaccati al Signore come la chiocciola che ci ha dato la Regione isole Mauritius che ha curato la liturgia di oggi.

La liturgia del mattino ci ha regalato uno splendido canto creolo mauriziano che vi invitiamo ad ascoltare anche se la registrazione non è delle migliori. . .

Dimorare e restare in comunione, un atteggiamento che va oltre la vita terrena. Toccante aver sentito nominare Annina e Bruno, amici conosciuti e il cui ricordo è vivo anche nell'ERI.

La relazione sulla missione dell'amore ci ha ricordato come ogni amore porta frutto. Il senso missionario è quello espresso nel Concilio, cioè una azione missionaria, il concretizzarsi di attività in uscita non senza meta ma sempre confrontandoci con la verità di Dio.

A seguire testimonianze della gioia dell'amore in famiglia. Non c'è un unico modello di famiglia oggi, ma ci sono realtà differenti che ci interrogano. Relazioni umane sane, che formano alla responsabilità, a valori sociali e condivisi, fratellanza, convivenza civile.

Padre Paulo Renato ha presentato le prospettive pastorali. Ha specificato l'importanza di mantenere fedeltà al carisma anche nelle risposte che END deve dare alle situazioni dei tempi odierni, come richiesto dal papa nell'Amoris Letizia.
Tornare alla fonte, saper rinnovare con attenzione ai segni dei tempi, fissare obiettivi.
Ci ha proposto una  immagine molto significativa presa da una scultura di Alexander Milov intitolata Love:   “Mostra un conflitto tra un uomo e una donna, e l’espressione interiore ed esteriore della natura umana. La loro interiorità è rappresentata da bambini trasparenti che cercano di toccarsi attraverso la grata. Al calare della notte, i bambini cominciano a brillare. Questo splendore è un simbolo di purezza e sincerità, che unisce le persone e dà la possibilità di riavvicinarsi quando arriva un periodo buio”

Una testimonianza toccante: sofferenze famiglie cristiane in Siria!!
La convivenza.delle famiglie in Siria ha radici storiche. Oggi la sofferenza è la quotidianità, le sanzioni economiche peggiorano la vita e rendono più marcata la povertà, manca il cibo, medicine, energia elettrica (15 minuti ogni 10 ore), freddo, rapimenti per riscatto, morti, famiglie senza giovani, distruzione dei luoghi di culto, oggi solo 800.000 cristiani vivono in Siria, discriminati e oggetto di violenza. Difficile mantenere la fede. Quale pace ha lasciato il Signore ai Siriani, come mantenere la speranza?

I cristiani siriani chiedono di non sentirsi abbandonati. Il sacerdote riceve dai cristiani siriani richieste non tanto di denaro quanto di azioni di accoglienza, comprensione, sostegno, vicinanza da parte degli altri cristiani




EQUIPES NOTRE DAME - SUPER REGIONE ITALIA utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento