GRAZIE POPPI

GRAZIE POPPI

"Con dolore ed anche tanto amore e riconoscenza comunichiamo a tutti che è mancato Poppi Simonis”.

Con queste parole cariche di tenerezze è giunta la notizia dell'Amico andato in Paradiso, lui che per anni ha attraversato frammenti di vita di molti di noi.

Poppi, morto martedì 4 luglio a Botta, aveva 85 anni ed era stato con Silvia responsabile di Equipe Italia negli anni 1992/97.
Una grande intelligenza capace di comunicare semplicemente con efficienza affettuosa e non rigida, autorevole mai presuntuoso, ricco di fantasia. E' stato ingegnere metalmeccanico, editore e libraio, ha girato per lavoro quasi tutta l'Italia.

Con Silvia aveva colto da subito la novità delle End per la coppia negli anni della nascita delle prime Equipe in Torino e con forza si è sempre impegnato per la diffusione della proposta End.

Responsabile di Equipe Italia, con energia insisteva sui valori del Metodo e ha sempre rimarcato con forza l'importanza di tutti i punti concreti di impegno. Una vita al servizio delle coppie, attivi nella preparazione dei giovani al matrimonio, erano una coppia fuori dell’ordinario, ricca di esperienze inusuali,capaci di condividere e coinvolgere grazie alla loro vitalità, ricchezza e generosità, sempre pronti a mettersi in gioco. Di Poppi hanno sempre impressionato gli occhi, chiari e luminosi: una finestra aperta su un mondo interiore ricco di interessi e speranze che percepivi standogli vicino.

Ricordiamo anche la capacità di leggere, studiare e portare a sintesi la Parola di Dio; di riflesso, a tutti noi ha donato la voglia di conoscere, di approfondire, di informarsi prima di giudicare: non un privilegio, ma una spinta che è maturata in molti di coloro che lo hanno conosciuto e frequentato.

Tra i molti doni, quello dell'apertura e dell'accoglienza. Con grande coraggio e generosità, il gesto di coppia dell'apertura all'adozione di 4 ragazzi.

In località Botta (tra Pinerolo e Avigliana) ha avviato con la Silvia il recupero edilizio di quell'intera borgata in allora ridotta a rudere e totalmente abbandonata. Oggi un bellissimo luogo (soggiorno gratuito) aperto ad incontri di preghiera, vacanze non banali, avvenimenti diversi, anche esperienze interconfessionali: ha intuito quel binomio cultura e accoglienza che in anni lontani non si incontrava.
Molti Equipier sono passati a Botta, una proposta e una scommessa, nessuno è rimasto indenne da quella esperienza.

Grazie Poppi per tutto e per il tanto che ci hai donato.

“L'eterna gioia dona lui Signore, splenda a lui la luce perpetua, riviva beato per sempre nella pace del tuo Regno”  (Poppi così recitava questa preghiera)




Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.