Alcuni continuano a non comprendere. . .

Il 19 novembre 2016 i quotidiani diedero notizia della lettera con la quale quattro cardinali chiedevano al Papa di fare chiarezza su alcuni aspetti dottrinali dell’Esortazione Apostolica “Amoris Laetitia”, in primis sulla comunione ai divorziati/separati e risposati. 
Eravamo a Cefalù al Convegno “Fedi e politica” organizzato dalle Comunità Missionarie del Vangelo, emanazione della Pro Civitate Cristiana di Assisi ed il contenuto ed il tono della lettera dei quattro cardinali ci ha profondamente turbati, tanto che decidemmo di scrivere una lettera di solidarietà al Papa, che alleghiamo.
L’idea piacque ai partecipanti al Convegno tanto che la maggior parte di loro volle apporre la propria firma (344 persone) tra cui alcuni relatori come Carlo Molari ed Alberto Maggi.
Molti di loro si offrirono di diffondere la lettera, al loro ritorno, nelle comunità di appartenenza.
Come sottolineato dai relatori al Convegno, come laici cristiani, dobbiamo far sentire la nostra voce sugli argomenti che ci riguardano e specialmente su un tema relativo alla famiglia ed alla coppia, secondo gli insegnamenti del Concilio Vaticano II.
Pensiamo che questa modalità di far conoscere il pensiero dei laici cristiani sia necessario in un momento in cui la visione evangelica e misericordiosa del Papa viene contestata appellandosi ad interpretazioni dottrinali.

Joseph e Carla Ostino
Antonio e Consolata Puccio
Torino 4




EQUIPES NOTRE DAME - SUPER REGIONE ITALIA utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento